Sei in ERASMUS? Non puoi votare

Pubblicato il 18 gennaio 2013

I 20.000 studenti italiani all’estero non potranno votare per corrispondenza nelle prossime elezioni del 24 e 25 febbraio.

Se vorranno votare saranno costretti a tornare in Italia, e per questo motivo è partita una petizione on-line per chiedere al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, e al Ministro degli Affari Esteri, Giulio Terzi di Sant’Agata, di adottare misure per garantire loro il diritto di voto.

Infatti attualmente possono votare per corrispondenza solo:

- i membri delle Forze armate e alle Forze di polizia temporaneamente all’estero impegnati nello svolgimento di missioni internazionali;

- i dipendenti di amministrazioni dello Stato, di regioni o di province autonome, temporaneamente all’estero per motivi di servizio

- i professori e ricercatori universitari

 

Se un cittadino si trova all’estero per periodi superiori ai 12 mesi, può registrarsi all’anagrafe dei cittadini italiani residenti, ma gli scambi Erasmus durano meno di un anno, e per questo agli studenti non è data neanche questa opzione.

Per firmare la petizione il link è questo http://www.change.org/voto-erasmus