Elezioni Regionali: Umbria

Pubblicato il 25 maggio 2015

Il 31 Maggio gli elettori dell’Umbria (oltre a Campania, Veneto, Liguria, Puglia, Toscana e Marche) saranno chiamati alle urne per le Elezioni Regionali 2015.


I CANDIDATI

Michele Vechietti – L’Umbria per un’Altra Europa – 34 anni, lavoratore precario, attivista ambientale e del mondo della cooperazione.

www.facebook.com/michele.vecchietti

 

Catiuscia Marini – centrosinistra (Partito Democratico, Sinistra Ecologia Libertà, Socialisti Riformisti, Civica Popolare) – Ex Sindaco di Todi, Eurodeputata, è l’attuale Presidente della Regione

www.catiusciamarini.it

 

Simone Di Stefano – Sovranità prima gli italiani – Vicepresidente di Casa Pound

facebook.com/distefanocasapound

 

Aurelio Fabiani – Partito Comunista dei Lavoratori – ha partecipato in prima persona a tutte le battaglie per la difesa dell’ambiente

Fulvio Carlo Maiorca – Forza Nuova – Avvocato

facebook.com/FulvioMaiorcapresidente

 

Claudio Ricci – centrodestra (Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d’Italia, Umbria Popolare) – Ingegnere, Cavaliere della Repubblica Italiana, Commendatore della Repubblica di San Marino e Socio Onorario della SIOI (Società Italiana per le Nazioni Unite).

www.claudioricci.it

 

Andrea Liberati – MoVimento 5 Stelle – ha seguito la campagna in USA di Barack Obama, ha lavorato come funzionario e addetto stampa in Regione

www.liberatiumbria.it

 

Amato John De Paulis – Alternativa Riformista Biologo e Medico veterinario, è ecologista e animalista, impegnato in politiche riformiste e ambientali, di livello internazionale e nazionale.

www.alternativariformista.it

COME SI VOTA

Si vota Domenica 31 Maggio dalle 7.00 alle 23.00.

Per votare è necessario presentarsi al seggio con un documento di identità valido e la tessera elettorale.

Sono possibili 4 modalità di voto:

-          tracciare un segno sul rettangolo del candidato Presidente, in questo caso si esprime il voto per il candidato Presidente e il voto si estende alla coalizione di liste collegate

 

-          tracciare un segno nel rettangolo che contiente il simbolo della lista regionale, in questo caso si esprime un voto valido sia per la lista che per il candidato ad essa collegato

 

-          tracciare un segno sul rettangolo del candidato Presidente e sul simbolo di una delle liste collegate, in questo caso si esprime il voto per il candidato Presidente e per la lista collegata

 

-          scrivere il cognome o il cognome e nome di uno o due candidati di lista: comporta l’attribuzione della preferenza per i candidati ma esprime anche il voto a favore della lista e del candidato Presidente collegato

 

Si possono indicare fino ad un massimo di due preferenze, in questo caso i due candidati devono essere di sesso diverso, pena l’annullamento della seconda preferenza

Non è ammesso il voto disgiunto