Camera e Senato hanno votato la fiducia al Governo Letta

Pubblicato il 30 aprile 2013

Dopo la fiducia ottenuta ieri alla Camera dei Deputati con 453 voti favorevoli e 153 contrari, oggi, il Presidente del Consiglio Enrico Letta ha ottenuto la fiducia anche al Senato con 233 voti a favore e 59 contrari.

Con un lungo discorso il neo Primo Ministro ha presentato alle Camere il suo programma di Governo

Lavoro: è la prima priorità del nuovo Governo, con speciale attenzione a quello giovanile. Sarà necessario intervenire per aiutare le imprese ad assumere giovani a tempo indeterminato, con una riduzione delle tasse sul lavoro per neoassunti e giovani

 

Europa: fondamentale sarà ritrovare una spinta europeista: “L’ Europa è in crisi di legittimità ed efficacia proprio quando tutti i Paesi membri e tutti i cittadini ne hanno più bisogno. L’Europa può tornare ad essere motore di sviluppo sostenibile – e quindi di speranza e di costruzione di futuro – solo se finalmente si apre” Ed è per questo che Enrico Letta andrà subito a Berlino, Parigi e Bruxelles per ribadire il forte carattere europeista del nostro Paese

 

Fisco:  lotta all’evasione, “con un fisco amico dei cittadini, senza che la parola Equitalia debba provocare dei brividi quando viene evocata”, e sospensione del pagamento dell’IMU sulla prima casa

 

Welfare: reddito minimo per famiglie bisognose,  estensione degli  ammortizzatori sociali anche per i lavoratori precari e proposte di incentivi part-time per i lavoratori verso la pensione e con la staffetta per la parallela assunzione dei giovani

 

Esodati: priorità del governo sarà quella di risolvere in tempi stretti il problema

 

Costi della politica: abolizione delle province, eliminazione del doppio stipendio per i Ministri parlamentari, modifica delle legge sui rimborsi ai partiti

 

Riforme: servono riforme per avvicinare i cittadini alle Istituzioni, partendo dalla legge elettorale

 

 

Il discorso integrale del Presidente del Consiglio è disponibile sulla pagina governo.it

Oltre a questo programma pensi che ci siano altri punti che dovrebbero entrare nell’agenda del nuovo Governo?